venerdì, gennaio 19, 2007

Sacra Coversazione /10


[Articolo di Allam Magdi sul Corriere della Sera di martedì 16 gennaio, 2007]
Ovvero: "L' Islam, la poligamia e il blog di Lia: la moglie che accusa il capo dell' Ucoii"
Il racconto di una professoressa: così Piccardo mi ha sposato e poi ripudiato con un sms

"ROMA - Il primo dicembre vi avevamo raccontato di uno scandalo sessuale a sfondo poligamico, in cui Lia, curatrice del blog Haramlik, denunciava di essere stata ripudiata da un non meglio specificato «Mullah di noialtri».

Ebbene ora siamo in grado di svelarvi il nome: Hamza Roberto Piccardo. Ed è Lia, professoressa di Letteratura che insegna a Genova, a rivelarlo: «L' ultima cosa che vorrei fare è ritrovarmi ad avere partecipato, con la mansuetudine di un capretto, alla grottesca messa in scena di una scenografia religiosa entro cui ambientare il porno amatoriale più banale del mondo, con Hamza Piccardo e Lia di Haramlik nei titoli di testa, in un tripudio di buon esempio. Ma ti prego. Fare da utile idiota, imbarazzata e silente, ai vitelloni da moschea. Non scherziamo».

Piccardo è il segretario nazionale dell' Ucoii (Unione delle comunità e organizzazioni islamiche in Italia), il personaggio più in vista e più controverso dell' islam in Italia. Sposato civilmente con una marocchina dopo il divorzio dalla prima moglie italiana, dalle quali ha avuto complessivamente 5 figli, lo scorso marzo Piccardo ha contratto un secondo matrimonio con Lia, nella moschea di Verona. Senonché a luglio Piccardo l' ha ripudiata, comunicandole in modo sprezzante la sua brusca e unilaterale decisione tramite un sms.

A quel punto Lia si è ribellata e ha avviato una campagna mediatica all' interno del suo blog, per ottenere il riconoscimento dei suoi diritti di moglie divorziata, nonché per protestare contro «quest' islam semplificato a misura di cretino, questo giochetto pseudo-islamico che va in onda tra i quattro dementi che hanno avuto la ventura di trovarsi nel posto giusto al momento giusto con la religione giusta e che ne hanno fatto una rendita di potere spicciolo da miserabili».

In una email indirizzata a Piccardo, datata 7 ottobre 2006 e che pubblichiamo per la prima volta, Lia chiarisce le ragioni per cui intende rivelare tutto, proprio tutto, di una esperienza che definisce un «delirio sado-poligamico»: «L' ultima cosa che vorrei fare, nella mia vita, è ritrovarmi omertosa, a coprire col mio partecipativo silenzio una prassi pseudomatrimoniale di bassissima lega, un uso becero della poligamia, una burocrazia religiosa adoperata come mero preservativo spirituale».
La missiva inizia così: «Caro Hamza, come sai, ho esercitato nei tuoi confronti - per diversi mesi e con generosità - l' islamica virtù della misericordia verso le tue debolezze, incoerenze e mancanze. Purtroppo, non mi è più possibile continuare a ostinarmi nel credere nella tua buonafede». Lia sintetizza così la decisione di sposarsi: «Tu ti sei presentato da me come rappresentante e punto di riferimento, in questo Paese, di una religione e di una causa per cui io mi spendevo da anni (...) Arrivi tu e decidi che mi devi urgentemente sposare, in nome della tua profonda fede nell' islam e in barba a qualsiasi mio ed altrui richiamo alla sensatezza (...) Hai goduto di un' apertura di credito da parte mia, invece, figlia proprio della mia attrazione e del mio rispetto per quell' islam che con tanto ardore rappresenti, ed ho accolto la tua sfida: "Fidati di me e sposami subito". "D' accordo".

Capivo bene, e la continuo a capire, la tua urgenza di metterti in condizione di "potere restare dietro una porta chiusa" con la sottoscritta. Solo che l' obbligo di contrarre matrimonio prima di poterlo fare non si esaurisce, per un musulmano, nella ripetizione burocratica di una formuletta. Il matrimonio islamico non è una magia o un miracolo che trasforma la carne femminile da haram ad halal, a mo' di cristiana trasformazione dell' acqua in vino. Il matrimonio islamico serve a garantire alle donne dei diritti, ed è in questi diritti che si riflette la coscienza dell' uomo. (...) Di questi miei diritti, di questi tuoi doveri, non se ne è vista manco l' ombra».

Lia lamenta l' assenza di un «normale rapporto affettivo tra persone serie, adulte e perbene», denuncia un comportamento violento («eri ormai talmente arrogante da concederti il lusso di tirarmi uno schiaffo») ma soprattutto rivela il prevalere di un comportamento morboso per il sesso: «Sei arrivato al punto di dirmi, nella stessa chat, che "no, questa settimana non vado a Milano, non posso portarti neanche una scatola" e poi, poche righe più sotto, spiegarmi nei dettagli che "se adesso venissi da te, slurp, ti farei questo e quello". Non so: cosa te la sposi a fare una donna se poi, in barba persino ai tuoi doveri di assistenza nei tre mesi successivi al divorzio, non ti chiedi sotto quale ponte stia andando a sbattere, e tutto quello che sai fare è esporle i tuoi sogni erotici quando ti gira di chiamarla?
Cosa c' entra l' islam?
Cosa c' è di islamico nel non assumersi nemmeno l' ultima delle responsabilità: quella di avere le palle di stare zitto e viverti i tuoi languori in silenzio, fosse solo prendendo esempio dalla donna che, con tutto il fegato che tu non hai, in silenzio assoluto si sciroppa un incubo intero?
Che cos' è esattamente il matrimonio islamico targato Ucoii, segretario nazionale dei miei stivali? Come ti permetti, come vi permettete di chiamare "islamico" un simile sconcio?».

Lia chiede «il mio risarcimento, buonuscita o dono di consolazione», quantificandolo in 20 mila euro. Ammonendolo che se Piccardo non accetterà la richiesta entro il 13 ottobre, «impegnerò tutte le mie energie per fare chiarezza su ciò che, a quel punto, sarebbe inequivocabilmente confermato come un uso fraudolento e blasfemo di una supposta benedizione divina sui coiti realizzati sotto l' egida dell' Ucoii, a partire dai tuoi». La condanna dell' Ucoii è netta: «L' esercizio istituzionalizzato da parte di un' organizzazione a sfondo religioso di prassi che, nel mondo arabo - sto pensando al matrimonio orfi (segreto, ndr) egiziano - vengono percepite come una forma di prostituzione legalizzata, è disdicevole. A volere essere gentili».

Nel finale Lia dà libero sfogo al proprio sarcasmo: «Non mi sfugge, per contro, la ricaduta a breve termine che la pubblicizzazione delle nostra esemplificativa vicenda potrebbe avere sui musulmani del nostro Paese che, davvero, non meritano di essere rappresentati e messi in imbarazzo da un Alberto Sordi dell' islam italiano».

Fino al 30 dicembre scorso, Lia nel suo blog ha minacciato di fare il nome di Piccardo: «Dovrei raccontare, a questo punto, dell' ultimo acquisto della galleria di mostri di cui è composto l' islam italiano che ho la ventura di conoscere. Non so se ne ho voglia. Eppure, scriverne si deve».
Ebbene ora sappiamo chi è il protagonista di questa telenovela «sado-poligamica» dell' islam italiano. Non è l' unico e non sarà probabilmente l' ultimo di cui vi racconteremo la storia intima, di per sé squallida, ma di cui dobbiamo occuparci. Perché sono questi «musulmani di professione» gli interlocutori che lo Stato predilige e che, grazie all' imperversare dell' ignoranza, del buonismo e della collusione ideologica, stanno già praticando la sharia islamica in Italia.
Non ci resta che sperare nelle donne che, al pari di Lia, ci costringano ad aprire gli occhi."

1 commento:

Duca De Gandia ha detto...

I PAESI A FAVORE :In Algeria la poligamia è concessa, ma deve essere approvata da un giudice. In Egitto coinvolge l' 8% degli uomini, come in Giordania. Tra i Paesi dove è ammessa ci sono Siria, Arabia Saudita (24%), Gambia, Costa d' Avorio e India
I PAESI CONTRO: La poligamia è proibita in Tunisia e Turchia.

La legge tedesca non la prevede, ma tutela le seconde mogli degli immigrati, purché sposate in Paesi dove è legale. Una legge analoga vige in Gran Bretagna, che concede sussidi anche alle «altre» mogli.