lunedì, settembre 05, 2005

Donna di Kasba

Anch’io do l’adesione entusiasta alla benemerita campagna:
Un burka per Afef



“E' nata bella e ricca, se è cresciuta viziata non è tutta colpa sua. Permalosa e arrogante, propaganda con invidiabile sicumera le dozzinali banalità di cui è intrisa.
Adusa a trattare con cicisbei adoranti (o con la servitù), non tollera essere contraddetta, ed è incapace di condurre a termine un qualsiasi confronto senza cadere nell'isteria.
La sua preparazione culturale, politica, sociologica, economica si basa unicamente sull'amplificazione generale delle proprie esperienze personali.
Insomma, sarebbe una candidata perfetta per i Radicali, o i Verdi, o i Comunisti Italiani. Finirà con i Socialisti perchè l'amicizia, si sa, è il valore che conta più di tutti. Dopo l'amore e il matrimonio, naturalmente.”

(Mi è piaciuto qui sopra riportare per intero il bellissimo "epitaffio" scritto da un aderente alla benemerita iniziativa.)

Afef Jnifen in Tronchetti Provera, figlia di un diplomatico tunisino e di… “tutto quanto fa spettacolo”, in questo clima di incontro-scontro di civiltà non ha mancato di far pesare (come ha sempre fatto del resto) le sue origini magrebine.

Nei tempi passati il suo insuccesso nel campo della conduzione televisiva è stato imputato, dalla bella tunisina, al razzismo dei colleghi del mondo dello spettacolo.
A chi oggi le chiede cosa ne pensi delle famigerate dichiarazioni di Marcello Pera al Meating di Rimini, Afef risponde accusando il Presidente del Senato di istigazione al razzismo: “In Italia ci sono molti meticci. Perché offenderli? Anche mio figlio lo è”. Come sempre questa fine analista culturale legge ogni avvenimento unicamente nell’ottica delle possibili ripercussioni che la cosa può avere sul proprio “particulare”!

Chiamata da Mastella a fare da madrina alla “festa del campanile” ad indicare il di lei giudizio altamente positivo sul meticciato culturale, ovvero (considerando la forma mentis di Afef) a palesare la propria fierezza di extracomunitaria rampante, di donna araba che grazie a matrimonio (e a figlio “meticcio”) con 'mister alta finanza' è riuscita a ricavarsi una posizione di prestigio in una società occidentale.

Chissà se la buona Afef ha compreso che quando le sbavava dietro, proponendole una candidatura nell’Udc, Clemente Mastella non aveva tanto in mente di omaggiare nella di lei persona tutto il mondo islamico, quanto il tentare di leccare i piedi al di lei marito!

Comunque Afef ha preso molto a cuore il ruolo di madrina del multiculturalismo: non è infatti compito precipuo di una lady dell’upper class partecipare al gran ballo della Croce Rossa o a consimili opere filantropiche?
“Mi piacerebbe essere la consigliera del primo ministro per le questioni che riguardano il mondo arabo”, dichiara candidamente lady Afef Jnifen.

Io personalmente darei un ruolo di responsabilità anche ad altri personaggi legati al mondo arabo: ad esempio Shakira che seppur sudamericana, come ognun ben sa, è figlia di padre libanese!
Ma che apporto potrebbe dare Shakira?
Semplice! La manderei sulle alture del Golan e poi la inviterei a danzare scuotendo furiosamente il bacino come soltanto lei è in grado di fare!
Il movimento del suo poderoso fondoschiena potrebbe provocare uno spostamento d’aria tale da innescare un tifone (simil uragano Katrina), che potrebbe creare danni ambientali così catastrofici, da costringere tutto il Medio Oriente a riconsiderare le proprie priorità!

È una idea valida come altre, anche perché Afef non si arroga di essere l’unica consigliera del “Principe” nelle questioni arabe! Ha dichiarato infatti: “Si potrebbe formare un comitato di consulenti con Khaled Fouad Hallam, Rula Jebreal, Emma Bonino, Gad Lerner e Alain Elkann”

Berlusconi (che ha in comune con Afef la difficoltà a distinguere nettamente fra proprio successo personale e benessere mondiale) sembra prenderla sul serio. Infatti venerdì 2 settembre ha invitato la signora Tronchetti Provera a Palazzo Chigi, facendola sedere alla sua destra durante la cena istituzionale con il primo ministro turco Erdogan.

Le cronache riportano che Afef (molto prudentemente) ha più ascoltato che parlato. Ciò ci fa ben sperare sul futuro della pace nel mondo.
E comunque anche le poche volte in cui ha tenuto a manifestare il proprio pensiero pensato è dovuta intervenire l’attrice ozpetecchiana Serra Yilmaz a tradurre in lingua turca.

…Oh! Dio mio: Berlusconi è un genio!
Solo adesso mi rendo conto delle vere intenzioni di Berlusconi: offrire al maschilista compare turco il simpatico siparietto di un’oca giuliva doppiata da una “cozza” dalla finissima intelligenza!

9 commenti:

Staff Libero Blog ha detto...

Gentile autore,
ti comunichiamo che il tuo post, visibile all'indirizzo
http://liberoblog.libero.it/italia/bl1132.phtml, ritenuto
particolarmente valido dalla nostra redazione, è stato
segnalato all'interno di LiberoBlog, il nuovo aggregatore
blog di libero.it

Pensiamo che questo ti possa dare maggiore visibilità sul
web e presumibilmente maggiore traffico sul tuo blog, in
quanto Libero.it è visitato quotidianamente da milioni di
persone.

Nel caso tu fossi contrario a questa iniziativa, il cui fine
è quello di segnalare ai nostri lettori i contenuti più
validi rintracciati nella blogosfera, ti preghiamo di
segnalarcelo via e-mail chiedendo la rimozione del tuo post
dal servizio. Procederemo immediatamente.

Per saperne di più di LiberoBlog e sulla sua policy
http://liberoblog.libero.it/disclaimer.php

Per suggerimenti e critiche, non esitare a contattarci a
questo indirizzo e-mail: blog.n2k@libero.it

edi ha detto...

chapeau, Duca :-)

Anonimo ha detto...

riverito duca forse non hai notato che 'un aderente' ha sbagliato partiti.

non c'e arrogante che superi il nostro amatissimo......... berlusconi & banda

Duca De Gandia ha detto...

Io rimango invero vieppiù turbato leggendo la caterva di commenti a questo mio 'ignobile' post, ma -graziaddio!- fortunatamente stanno su Liberoblog!

Carissima Edi,
sono ben altri i post che mi piacerebbe innescassero un sano e proficuo cazzeggio!:)

rodhesmk1 ha detto...

Afef in politica!!!!!
ci raccapriciamo che questa sorta di "fotomodella" maghrebina dal cervello sicuramente inversamente proporzionale alla sua bellezza si candidi in politica, ma dovremmo fustigare e magari riattivare l'uso della gogna per personaggi come Mastella, Bellillo, Melandri e Cossutta, dato che questi "cessi" umani hanno fatto della politica italiana una colossale telenovela seguita (ahime...) da tutto il mondo. Non c'è da stupirsi ragazzi!!!! non di menticate che Pannella da grande precursore e pioniere della "cazzata politica" ha fatto (dimostrando un alto senso della democrazia....) di una "ciuccia cazzi" un onorevole.... ad Afef più che il burka regalerei una bella impronta di Nike Air nel culo.... dato che fra parentesi le producono pure quei poveri disgraziati di bambini morti di fame che taaaanto lei vorrebbe rappresentare.....

Duca De Gandia ha detto...

Che mestizia!:-(
Prometto e giuro che d'ora in poi mi sforzerò di comporre solo post indigesti ai liberi linkatori e possibilmente inappettibili ai facili commentatori!

Ho paura che non venga colto lo spirito ironico che aleggia sulle scure acque dell' home page di questo inutile blog!:)

edi ha detto...

Duca, mi sa che c'è da ringraziare l'intervento divino. Ti hanno sbagliato pure il link :)

Anonimo ha detto...

Duca attento ... la IADL è a caccia di "cristianisti" da denunciare confidando nelle Forleo !

Anonimo ha detto...

Complimenti per il post e grazie per la citazione, non ero preparato... :-)

Slowhand alias "Un aderente"