martedì, ottobre 18, 2005

Clericis Laicos

All'Onorevole Senatore MARCELLO PERA
Presidente Onorario della Fondazione Magna Carta

Ho appreso con piacere che la Fondazione Magna Carta e la Fondazione per la Sussidiarietà hanno promosso a Norcia un incontro di studio sul tema "Libertà e laicità".
... ... ...
... Formulo poi l'auspicio che la riflessione che si farà al riguardo tenga conto della dignità dell'uomo e dei suoi diritti fondamentali, che rappresentano valori previi a qualsiasi giurisdizione statale. Questi diritti fondamentali non vengono creati dal legislatore, ma sono inscritti nella natura stessa della persona umana, e sono pertanto rinviabili ultimamente al Creatore.
Se, quindi, appare legittima e proficua una sana laicità dello Stato, in virtù della quale le realtà temporali si reggono secondo norme loro proprie, alle quali appartengono anche quelle istanze etiche che trovano il loro fondamento nell'essenza stessa dell'uomo. Tra queste istanze, primaria rilevanza ha sicuramente quel "senso religioso" in cui si esprime l'apertura dell'essere umano alla Trascendenza.
Anche a questa fondamentale dimensione dell'animo umano uno Stato sanamente laico dovrà logicamente riconoscere spazio nella sua legislazione. Si tratta, in realtà, di una "laicità positiva", che garantisca ad ogni cittadino il diritto di vivere la propria fede religiosa con autentica libertà anche in ambito pubblico.

Per un rinnovamento culturale e spirituale dell'Italia e del Continente Europeo occorrerà lavorare affinché la laicità non venga interpretata come ostilità alla religione, ma, al contrario, come impegno a garantire a tutti, singoli e gruppi, nel rispetto delle esigenze del bene comune, la possibilità di vivere e manifestare le proprie convinzioni religiose. Con tali voti, mi è gradito rinnovare a Lei ed ai partecipanti al Convegno il mio deferente e cordiale saluto. Benedetto PP XVI


Quale degna glossa alle parole ratzingeriane,propongo la puntuale disamina che ne fa questo eminentissimo blogger

1 commento:

I. ha detto...

Esimio,
questo post, nonchè il link citato, hanno ridato nuova linfa a una mattina di pioggia che pareva irrimediabilmente compromessa dalla visione di due sedicenti opere dell'ingegno umano: le scatolette sottovuoto dell'artista Manzoni (qualificate dal loro stesso contenuto) e l'ultimo lavoro di tale Michel Onfray; quest'ultimo, francese, è autore di un "Trattato di ateologia" che in Francia ha venduto più di 20.000 copie, è stato tradotto in numerose lingue e ora si accinge a scalare il mercato italiano. Prezzo, 14 euro; ovvero quasi il doppio delle pugnalate di un buon film. Le stesse che avrei voluto infliggere all'autore. E se un'agnostica quale sono è giunta a concepire l'omicidio, significa che la misura è stata oltrepassata...
Ossequi
I.